Cercare casa in affitto a Milano è davvero un’impresa! 

Ricevo tante chiamate da persone che cercano una casa e vogliono consigli su come fare, come muoversi, cosa evitare, dove cercare.

Il mercato è vivo, molto rapido, a prezzi decisamente sostenuti e popolato da molteplici figure professionali e private.

Cerchiamo di fare un po’ di ordine. La prima cosa da considerare è la durata del soggiorno.

Per quanto tempo ti serve una casa???

LA DURATA DEL SOGGIORNO

Per quanto tempo ti serve una casa??? Questa è la prima domanda, perchè l’offerta sul mercato si differenzia molto in base alla lunghezza del soggiorno.

Si parla di

AFFITTO  BREVE per soggiorni di massimo 30 notti

AFFITTI MEDI o TRANSITORI per soggiorno da 30 notti a 18 mesi

AFFITTI LUNGHI per soggiorni oltre i 18 mesi

E non lo scrivo solo per dare definizioni, ma perchè in base a questa classificazione si differenziano i contratti e le loro modalità, le leggi, gli eventuali intermediari e, non ultimi, i prezzi.

CERCARE CASA A MILANO PER MASSIMO 30 NOTTI: AFFITTO BREVE

A Milano il numero di appartamenti in affitto breve è in costante aumento, non avrai difficoltà a trovare una casa adatta alle tue esigenze. I prezzi sono alti, quasi in linea con quelli degli hotel, ma avrai una cucina funzionale e spazi più ampi, ambienti personalizzati e caratteristici.

Dove Cercare

Per cercare casa in affitto breve hai due possibilità:

  • CONTATTO DIRETTO
  • PORTALE DEDICATO AGLI AFFITTI (Airbnb, Booking, Expedia etc.)

Se ti interessa il CONTATTO DIRETTO, comincia a guardare tra i miei Appartamenti qui! 

Puoi prenotare direttamente dal mio sito o contattarmi per trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze.

Oppure puoi cercare tra i tantissimi annunci che i singoli proprietari pubblicano in rete, su grossi portali di annunci liberi, quali Casa.it (che ha una sezione free per gli affitti brevi), Bakeka.it, Subito.it e simili. O ancora sui social, come Facebook che  ha molti gruppi dedicati agli affitti brevi a Milano, dove i proprietari pubblicano i loro appartamenti. 

Sui PORTALI DEDICATI AGLI AFFITTI BREVI, le grandi piattaforme come Airbnb e Booking, troverai sicuramente una maggiore scelta, facilità di consultazione, di ricerca, rapidità di risposta dell’Host, recensioni ordinate, ma tutto ciò ha un costo. I prezzi sulle grandi piattaforme sono sempre più elevati.

Molti ormai hanno cominciato ad usare le piattaforme per cercare la casa giusta, sfruttando i loro potenti motori di ricerca, per poi contattare direttamente l’Host sul suo sito o telefonicamente. Il risparmio è garantito!

Cosa è richiesto per affittare?

Ti verrà richiesto di esibire un documento in corso di validità (carta d’identità o patente o passaporto). Non è richiesto il permesso di soggiorno per gli stranieri.

Dovrà essere esibito un documento per ogni ospite, anche bambini, perchè la legge italiana impone di registrare tutti gli ospiti sul portale della Questura. 

Ti verrà richiesto il saldo entro il check in e  la tassa di soggiorno del Comune di Milano. Tutti i dettagli sulla Tassa di Soggiorno qui!

Sui portali il pagamento avviene al momento della prenotazione. Con il contatto diretto, spesso, è richiesto un acconto alla prenotazione e il saldo al check in.

Di solito non è richiesta una caparra, io non la chiedo nei miei Appartamenti e, mi sembra, che sia la scelta più diffusa tra gli Host.

Gli intermediari: gli Host

Un appartamento in affitto breve può essere gestito direttamente dal proprietario oppure da un Host, come me!

Gli Host non vengono pagati direttamente da te, ma dal proprietario che li incarica di gestire l’appartamento. Il loro “costo” quindi è incluso nel prezzo dell’appartamento.

I Vantaggi degli affitti brevi

RAPIDITA’. E’ il metodo più veloce per avere una casa, possibile anche trovarla e entrare direttamente in giornata se disponibile. 

COMODITA’. La troverai già completamente accessoriata, dalla lavatrice al cavatappi. Inoltre di solito negli Appartamenti viene lasciata una fornitura base di articoli di prima necessità. Nei mei Appartamenti, oltre alla biancheria da letto e da bagno, troverai una serie di articoli necessari per il soggiorno dei primi giorni e per la colazione. Puoi trovare l’elenco completo della biancheria e prima fornitura qui!

NESSUNA DOCUMENTAZIONE SUL REDDITO O SUL LAVORO SVOLTO Non verrà sottoscritto un contratto d’affitto, una casa in affitto breve è come un Hotel. Il pagamento è entro il check in e tanto basta. E’ necessario un documento d’identità in corso di validità. 

I Contro degli affitti brevi

PREZZO. Non è richiesta una cifra elevata per entrare, nessuna cauzione, ma il costo a notte può essere molto più alto di un affitto medio o lungo. Inoltre è da pagare la Tassa di Soggiorno, non prevista per gli affitti medi e lunghi

DISPONIBILITA’ DELLA CASA. La casa non sarà tua, non potrai invitare amici, fare cene o feste. Sarà a disposizione tua e di tutti gli ospiti registrati per tutta la durata del soggiorno prenotato. Puoi vedere qui il regolamento per gli ospiti dei miei appartamenti.

CERCARE CASA A MILANO DA 1 A 18 MESI: AFFITTI MEDI O TRANSITORI

Superando le 30 notti di soggiorno si entra in tutta un’altra visione del concetto di affitto, sia legalmente che di garanzie da offrire al proprietario.

Dove Cercare

Per cercare casa in affitto medio o transitorio hai due possibilità, le stesse degli affitti brevi:

  • CONTATTO DIRETTO
  • PORTALE DEDICATO AGLI AFFITTI (Airbnb, Booking, Expedia etc.)

Per un contatto diretto puoi cercare tra i tantissimi annunci che i singoli proprietari pubblicano in rete, su grossi portali di annunci liberi, quali Casa.it, Bakeka.it, Subito.it e simili. O ancora sui social, come Facebook che  ha molti gruppi dedicati agli affitti a Milano, dove i singoli proprietari pubblicano i loro appartamenti. 

Sui PORTALI DEDICATI AGLI AFFITTI BREVI, le grandi piattaforme come Airbnb e Booking, puoi trovare anche tantissime case disponibili per più mesi, a prezzi scontati in base alla lunghezza del soggiorno. Troverai sempre una maggiore scelta, facilità di consultazione, di ricerca, rapidità di risposta dell’Host, recensioni ordinate, ma come per gli affitti brevi, passare dalle piattaforme ha un costo. I prezzi sulle grandi piattaforme sono sempre più elevati.

Cosa è richiesto per affittare?

Se prenoti tramite piattaforma ti verrà richiesto di pagare l’intero importo del soggiorno (anche se per più mesi) e, a volte, anche una cauzione in caso di danni.

Se prenoti in maniera diretta, le modalità potrebbero essere le più diverse. Pagamento mese per mese ma con dimostrazione del proprio reddito oppure pagamento anticipato dell’intero periodo. 

CERCARE CASA A MILANO OLTRE 18 MESI: AFFITTI LUNGHI O “4+4”

E, per gli affitti lunghi, la questione si complica. Scendono i prezzi, sicuramente, ma le garanzie da offrire al proprietario sono molteplici. Inoltre si allungano molto i tempi. Le case devono essere visitate, bisogna organizzare incontri con il  proprietario/agente, arrivare a sottoscrivere un contratto. Insomma è necessario essere a Milano per trovare una casa in affitto lungo.

Dove cercare

Su internet. Sia i privati proprietari che le agenzie immobiliari pubblicano le case disponibili online sui portali di categoria (immobiliare.it, casa.it, idealista.it).

Cosa è richiesto per affittare?

Non esiste una legge che elenchi le richieste che può fare un proprietario che ti affitta casa in termini di documentazione. Sono richieste buste paga e contratti di lavoro, certificati di matrimonio e fidejussioni, garanzia dei genitori, cointestazione con altri inquilini… Le richieste del proprietario possono essere numerose e non arrivare mai ad essere soddisfatte.

In realtà, i proprietari hanno ragione. Con la legge attuale, una volta sottoscritto e registrato il contratto, se dovessi diventare moroso, il proprietario avrebbe davanti a se’ anni di udienze in tribunale per riavere la sua casa, spese elevatissime e molto mal di pancia!

Di solito viene richiesto il pagamento di 3 mensilità anticipate oltre al mese entrante.

Gli intermediari

Gli agenti immobiliari intervengono sia nei contratti lunghi che in quelli medi. Percepiscono una percentuale variabile (intorno al 10-15%) del valore di un anno di contratto. Dovranno essere pagati a parte, da te, il loro compenso non è compreso nelle spese per la casa.

Ma trovare casa “scavalcando” le agenzie non è facilissimo. Sono proprio pochi i proprietari che si occupano autonomamente di affittare le proprie case. 

 

Categories:

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *